LA VITA DI COSIMO DE’ MEDICI.

Da sempre amo Firenze e da sempre sono affascinato dall’epoca del Rinascimento. Potete immaginare la mia irrefrenabile attesa, una volta scoperto che sarebbe uscita una trilogia sulla famiglia che, assieme a quella dei Borgia e poche altre, ha segnato questa splendida epoca: i Medici.

Come sapete è uscita anche una serie Tv con Dustin Hoffman, ma sapendo dell’esistenza del libro e sapendo che il libro è sempre meglio dello schermo ( a meno che non sia un kindle); ho preferito non guardarla; quindi non vi dirò se il libro sia meglio o peggio della serie; vi dirò solamente che il libro non è male.

Avvincente e veloce, anche se in alcuni casi troppo. Mi è piaciuta la descrizione della Firenze “appestata”. Interessante ed evocativo lo spaccato che viene dato dell’Italia delle Signorie e dei rapporti volubili e mendaci che intercorrevano tra esse.

Amando Firenze avrei preferito descrizioni più minuziose ma forse questo avrebbe rallentato troppo la narrazione.

Questo libro non è incentrato solo sulla figura di Cosimo De’ Medici ma all’interno della narrazione c’è spazio per molti altri personaggi. Ho trovato geniale l’inserimento dei due personaggi di Laura e Reinard che rendono più avvincente la storia,; fuori dalla Storia ufficiale che tutti conoscono e che quindi, già conosciuta, avrebbe rischiato di essere prevedibile.

Insomma l’ho trovato un bel libro da leggere per immergersi nella Firenze e nell’Italia dell’epoca.

Penso che sia adatto sia per glia amanti della storia, come il sottoscritto, sia per gli amanti del thriller; magari più dinamico e leggero. Infatti il contesto storico, solamente accanato, è comunque uno spunto interessante per  gli amanti del genere e non è troppo “pesante” per gli altri.

Più che soddisfatto, non vedo l’ora che esca il seguito ( IL 28 NOVEMBRE). Libro già pubblicato sul mio Kindle.. fullsizerender

VOTO: 4/5

NARRAZIONE: 4/5; Bella, veloce e mai ridondante.

PROFONDITÀ: 3/5 Personaggi tratteggiati, ma mai scavati fino in fondo

COUP DE THÉÂTRE: 4/5

RETROGUSTO 4/5, Bello, anche il primo nel suo genere. Peccato per atmosfera dell’epoca solo assaporata e mai vissuta pienamente. Resta comunque un bel libro…

Dimmi la tua

Dimmi la tua